Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community
Foto gruppo
EMDR: Eye Movement Desensitization and Reprocessing

Embodied Minds

Componenti

Fotografia

Attività

Patrizia Adami Rook said: 'Relationships make us ill, relationships make us well'. In the Embodied Minds research group, we focus our studies on relationships: with oneself, with others, but also between doctors, health workers, psychotherapists and patients. Relationships are valuable but also a possible source of suffering. Trauma is a rupture in the relational continuum with oneself and with others, with important consequences for psychophysical health. At the same time, we study what happens in psychotherapy, a place that hosts the kind of relationship that heals the fractures created by the trauma and enhances the person's resources. In particular, we focus on the integration within psychotherapy of body-mediated techniques such as EMDR and Mindfulness, with a focus on the construct of compassion, the attitude of caring with kindness, letting oneself be touched by one's own or others' suffering with an intention to be able to bring relief. Finally, in Embodied Minds we focus on the study of one of the elements intrinsic to the relational sphere: communication. The aim is to study and promote effective forms of communication, especially in the therapeutic context (be it medical or psychological). By communicating we modify the world around us and the relationships in which we are immersed.

In order to understand how relationships shape our way of being, feeling and functioning, our group carries out its research activities by developing innovative technologies and continuously integrating clinical and neurobiological data, working in multidisciplinary and international networks.

Ongoing projects

Sector: M-PSI/08

Funding: EMDR Europe

Participants to the projects: Department of Neuroscience “Rita Levi Montalcini”, University of Torino, Torino, Italy, ASL Città di Torino, ISTC-CNR, Centro di Ricerca E. Piaggio dell’Università di Pisa.

Abstract: Depression is one of the most common disabling mental disorders, ranked by the World Health Organisation as the largest contributor to global disability. Its onset and development, in addition to stress and other neurobiological/genetic correlates, has been significantly associated with exposure to traumatic experiences (e.g., physical and sexual abuse, emotional neglect). Currently, recommended treatments for depression include antidepressant medication and psychotherapies that include, according to the guidelines, only cognitive-behavioural therapy (CBT) and interpersonal therapy.  Despite encouraging preliminary results, EMDR is not yet recognised as an effective therapy for depression. Overall, while antidepressant drugs have been associated with a modest advantage over placebos, psychotherapeutic treatments do not work for all patients. Indeed, the typical response rate may be less than 50%, especially for chronic depression. In summary, given the high inter-patient variability, there is a lack of a clinical decision support system allowing objective diagnosis of neurobiological markers of depression and, consequently, personalised treatment.

The project aims to fill this gap by increasing the effectiveness of treatment, especially for depression due to trauma, by assessing the dynamics of the central and autonomic nervous system (CNS, ANS). From a clinical point of view, this will be the first study to evaluate the specific effects of EMDR compared to gold standard psychotherapy for depression, assessed with different neurobiological methods and neuropsychological tests. The results of this study will allow us to evaluate which approach is perhaps most useful for a specific patient, tailoring the treatment plan.

 

Sector: M-PSI/08

Participants to the project: Department of Neuroscience “Rita Levi Montalcini”, University of Torino, Torino, Italy , Centro di Ricerca E. Piaggio dell’Università di Pisa.

Abstract: The state of the art on the neurobiological correlation between body-mediated techniques and depressive or dissociative symptoms is currently in its infancy. Studies indicate a need to investigate how dissociative symptoms influence mindfulness-based experiences. The study aims to validate the practice of Self-Contact as a screening technique for depressive and dissociative symptoms. The practice of Self-Contact involves the subject placing their hands on their body in three distinct and successive positions, each held for a few breaths. Secondary objectives are to explore depressive and dissociative symptoms in different populations and to observe the heart-brain interaction in subjects with depressive or dissociative symptoms. Patients with Eating Disorders, psychiatric disorders (personality disorders, depressive disorders), ADHD, endocrinological and metabolic disorders and with oncological diseases will be involved. The general population in physical and mental health will be included in the study as a control group.

The experiment takes place in a single session and involves listening to a Mindfulness practice (Self-Contact) and performing a vagal manoeuvre with simultaneous recording of ECG and respiratory rate with BIOPAC® and EEG.

 

Sector: M-PSI/08

Participants to the project: Department of Neuroscience “Rita Levi Montalcini”, University of Torino, Department of General Psychology University of Padova, Center for Healthy Minds, University of Wisconsin–Madison, United States.

Abstract: The Emotional Style Questionnaire (ESQ) is a self-assessment tool consisting of 24 easily implemented items that can identify an individual's location along the continuum of six dimensions, thereby identifying Emotional Style. Emotional Style is a coherent way of responding to life experiences. Governed by specific brain circuits and identifiable by neuroimaging techniques, Emotional Style can therefore be considered as a distinctive brain 'signature'. Each individual has his or her own emotional style and consequently numerous possibilities for emotional reactions and adaptations that differ in kind, intensity and duration. The ESQ aims to be a psychometric instrument that can be used in research and in the clinic as an indicator of psychological wellbeing; its placement along the six dimensions makes it possible to identify strengths and weaknesses of an individual's Emotional Style, so as to allow mental training interventions that exploit the plasticity of brain structures to modify all that is dysfunctional for a healthy emotional life. The present study aims to validate the Italian translation of the ESQ as an integrative measure of Healthy Emotionality.

 

Sector: M-PSI/08

Participants to the project: Department of Neuroscience “Rita Levi Montalcini”, University of Torino, Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Torino; Fondazione Molo.

Abstract: PTSD may occur after exposure to a single, particularly stressful event, or as a result of continuing traumatisation, such as child maltreatment and abuse. PTSD symptoms include intrusive thoughts and memories, avoidance of stimuli related to the traumatic experience, negative changes in cognition and mood, and hyperactivation of arousal. The diagnosis can be made up to one month after the triggering event, but symptoms can also appear years later; the prevalence of PTSD in the population is estimated at 3%, with a significant increase in cases of conflict or other stressful events, such as abduction. Research has revealed alterations in the neurological functioning of people suffering from PTSD, in particular dysfunctions in neurovegetative regulation, as well as the possibility of observing improvements in symptoms associated with a more favourable neuro-modulation.

On the basis of this evidence, given the pervasiveness and severity of symptoms associated with PTSD, in the present research work we intend to objectify the neurological correlates of PTSD by means of the assessment procedure with quantified electroencephalogram (qEEG) and evoked potentials (ERPs) developed by Y. Kropotov and his group. Kropotov and his research group. This procedure is rapid, non-invasive and inexpensive compared to other neurological assessment procedures (fMRI, etc.). Subjects with PTSD will then benefit from a neuro-regulation therapy using Neurofeedback, comparing a procedure that has already demonstrated its effectiveness with a more recent protocol developed by the Othmer Group. At the end of the therapy protocol, neurological parameters will be measured again in order to have an objective indication of the effectiveness of the Neurofeedback therapy, as well as feedback from the participants.

 

Sector: M-PSI/08

Funding: Fondazione Roche

Participants to the project: Department of Neuroscience “Rita Levi Montalcini”, University of Torino , Centro di Ricerca E. Piaggio dell’Università di Pisa.

Abstract: Interpersonal contact and communication are fundamental elements of doctors' work. Possessing the appropriate communication skills to deal with complex interactions with patients contributes to lower levels of work-related stress among doctors and improves patient satisfaction and adherence to treatment. Greater doctor-patient concordance correlates with positive health outcomes and patients' perceptions of the health care they receive. The measurement of doctor-patient concordance can also contribute to the development of training for physicians to improve awareness of possible discrepancies and to develop and acquire strategies to reduce them. To date, most research has been limited to investigating behavioural aspects, whereas there is a growing interest in the psychophysiological aspects of doctor-patient concordance. Physiological assessment has some advantages over subjective assessment, reducing the bias associated with retrospective self-assessment and allowing changes in emotion or arousal to be detected by real-time measurement.

The primary objective is to evaluate the effectiveness of the training on doctor-patient concordance as measured by questionnaires and psychophysiological indices. The secondary objectives are to evaluate the correlation between the questionnaires, the analysis of the doctor-patient interaction and the physiological indices used to measure the concordance of the doctor-patient dyad; to evaluate the effectiveness of the training in reducing the levels of burn-out and the barriers to compassion of oncology doctors; to evaluate the effectiveness of the training in reducing the levels of distress (anxiety, depression, etc.) of oncology doctors; to evaluate the effectiveness of training in improving patients' distress; to identify specific physiological patterns of concordance in the doctor-patient dyad; to identify key elements that can contribute to the planning of effective and time and resource efficient training, in order to expand its use in medical education.

 

Sector: M-PSI/08

Participants to the projects: Department of Neuroscience “Rita Levi Montalcini”, University of Torino , l’Institut de Neuropsiquiatria i Addiccions (INAD), Hospital del Mar, Barcelona, Spain.

Abstract: Patients with FEP who are admitted to hospital for the first time because of a mental disorder frequently have experienced previous psychological trauma. The prevalence of post-traumatic stress disorder (PTSD) in patients with psychosis is 12%. Moreover, 40-80% of them develop post-traumatic stress symptoms, which can be defined as post-psychotic post-traumatic syndrome (PPS). The presence of these symptoms has a negative impact on the clinical course of the disorder, social functioning, quality of life and adherence to treatment. The pathophysiological mechanism underlying the correlation between trauma and psychosis is complex and is determined by interactions between genetic, epigenetic, trauma-related and environmental factors. Therefore, the integration of trauma-centred therapies within treatment pathways for patients with FEP is of great clinical importance. EMDR is a psychotherapeutic treatment based on standardised protocols, which integrates bilateral sensory stimulation with elements of cognitive-behavioural, interpersonal and body-centred therapies. It is recommended by the WHO as a first-line treatment in adult PTSD and has proved effective in treating PTSD in patients with comorbidities for psychosis. EMDR could therefore be an effective psychotherapeutic intervention in the treatment of symptoms related to past trauma and PPS in patients with FEP. The present work aims to evaluate the efficacy and safety of EMDR in a sample of patients diagnosed with FEP in the last year, with subsequent hospitalisation or outpatient treatment and associated psychological trauma. All patients included in the study, in addition to the possible treatment with EMDR according to randomization, will receive the standard treatment for the mental disorder from which they are suffering: psychiatric visits, psychopharmacological therapies according to the clinical picture (antipsychotics of I or II generation, mood stabilizers, benzodiazepines and other psychotropic drugs).

Sector: M-PSI/08

Participants to the project: Department of Neuroscience “Rita Levi Montalcini”, University of Torino , Humanitas San Pio X, Milano, A.O.U. San Paolo, Milano.

Abstract: About 30% of women rate childbirth as traumatic and 3-4% of women are at risk of developing post-traumatic stress disorder (PTSD) in response to traumatic childbirth. In addition, there is a high rate of co-morbidity between post-traumatic stress symptoms and postpartum depressive symptoms.

The objectives of this research project are: to investigate the efficacy of EMDR therapy in the treatment of posttraumatic and depressive postpartum symptoms in women who have just experienced a traumatic birth compared to dynamic expressive support psychotherapy (SEDP), in order to demonstrate the role of EMDR as an elective intervention in this specific population; to compare the effects of EMDR and SEDP on physiological indices; to compare the effects of EMDR and SEDP on physiological indices in women who have just experienced a traumatic birth.

SEDP on physiological indices (i.e. HRV and skin conductance) measured during treatment sessions.

The design of this study is a multicentre, randomised controlled clinical trial. The study subjects will be 60 women who have had a traumatic birth within the previous 2 days. The psychological assessment will be carried out before the psychotherapeutic intervention (T0), within the third day after delivery, with a limited number of questionnaires, in order not to burden the patient given the context of urgency and hospitalisation. Two follow-up evaluations will be scheduled in order to assess the results of the psychotherapeutic interventions and to monitor symptom levels over time: at 6 weeks postpartum (i.e., after the end of the psychotherapeutic intervention) (T1); at 12 weeks postpartum (T2). All participants, regardless of the type of treatment, will receive 5 treatment sessions of 60 minutes each conducted over approximately 4-5 weeks. During the treatment sessions, women will be asked to wear a simple bracelet (similar to a wristwatch) that will monitor the physiological parameters of HRV and skin conductance for the duration of the session.

“Di relazioni ci si ammala, di relazioni si guarisce” ha scritto Patrizia Adami Rook. Nel gruppo di ricerca Embodied Minds poniamo al centro dei nostri studi la relazione: con se stessi, con gli altri ma anche la relazione tra medici, operatori e opeatrici sanitari/e, psicoterapeuti/e e pazienti. La relazione è preziosa ma anche una possibile fonte di sofferenza. In tal senso si muove il nostro filone di ricerca sulla psicotraumatologia: il trauma, infatti, è una rottura del continuum relazionale con sé e con gli altri, con importanti conseguenze sulla salute psicofisica. Parallelamente, studiamo ciò che avviene in psicoterapia, luogo che ospita quel tipo di relazione che ricuce le fratture create dal trauma e che potenzia le risorse della persona. In particolare, ci concentriamo sull’integrazione all’interno della psicoterapia di tecniche a mediazione corporea come l’EMDR e la Mindfulness, con un focus sul costrutto della compassione, l’atteggiamento di prendersi cura con gentilezza, il lasciarsi toccare dalla sofferenza propria o altrui con un’intenzione di poter portare sollievo. Infine, in Embodied Minds ci dedichiamo allo studio di uno degli elementi intriseci alla sfera relazionale: la comunicazione. L’obiettivo è studiare e promuovere efficaci forme di comunicazione, soprattutto nel contesto terapeutico (che sia medico o psicologico). Comunicando modifichiamo il mondo intorno a noi e le relazioni in cui siamo immersi.

Per comprendere come la relazione moduli il nostro modo di stare, di emozionarci, di funzionare, il nostro gruppo porta avanti le proprie attività di ricerca sviluppando tecnologie innovative e integrando continuamente dati clinici e neurobiologici e lavorando in reti multidisciplinari e internazionali.

Progetti in corso:

Settore: M-PSI/08

Ente finanziatore: EMDR Europe

Partecipanti al progetto: Department of Neuroscience “Rita Levi Montalcini”, University of Torino, Torino, Italy, ASL Città di Torino, ISTC-CNR, Centro di Ricerca E. Piaggio dell’Università di Pisa.

Abstract: La depressione è uno dei più comuni disturbi mentali invalidanti, classificato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità come il più grande contribuente alla disabilità globale. La sua comparsa e il suo sviluppo, oltre allo stress e ad altri correlati neurobiologici/genetici, è stata significativamente associata all'esposizione a esperienze traumatiche (ad esempio, abusi fisici e sessuali, trascuratezza emotiva). Attualmente i trattamenti raccomandati per la depressione includono farmaci antidepressivi e psicoterapie che includono, secondo le linee guida, solo la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) e la terapia interpersonale.  Nonostante gli incoraggianti risultati preliminari, l'EMDR non è ancora riconosciuta come una terapia efficace per la depressione. Nel complesso, mentre i farmaci antidepressivi sono stati associati con un modesto vantaggio rispetto ai placebo, i trattamenti psicoterapeutici non funzionano per tutti i pazienti. Il tasso di risposta tipico, infatti, può essere inferiore al 50%, soprattutto per la depressione cronica. In sintesi, data l'elevata variabilità inter-paziente, manca un sistema di supporto alle decisioni cliniche che consenta una diagnosi obiettiva dei marcatori neurobiologici della depressione e, di conseguenza, un trattamento personalizzato.

Il progetto mira a colmare questa lacuna aumentando l'efficacia del trattamento, soprattutto per la depressione da trauma, attraverso una valutazione delle dinamiche del sistema nervoso centrale e autonomo (SNC, SNA). Dal punto di vista clinico, questo sarà il primo studio a valutare gli effetti specifici dell'EMDR rispetto alla psicoterapia gold standard della depressione, valutata con diversi metodi neurobiologici e test neuropsicologici. I risultati di questo studio permetteranno di valutare l'approccio forse più utile per un paziente specifico, personalizzando il piano di trattamento.

 

Settore: M-PSI/08

Partecipanti al progetto: Department of Neuroscience “Rita Levi Montalcini”, University of Torino, Torino, Italy , Centro di Ricerca E. Piaggio dell’Università di Pisa.

Abstract: Lo stato dell’arte sulla correlazione neurobiologica tra tecniche a mediazioni corporea e sintomi depressivi o dissociativi è attualmente agli albori. Dagli studi emerge la necessità di indagare come sintomi dissociativi influenzino le esperienze mindfulness-based. Lo studio ha l'obiettivo di Validare la pratica dell’Autocontatto come tecnica di screening per i sintomi depressivi e dissociativi. La pratica dell'Autocontatto, che prevede che il soggetto posizioni le mani sul proprio corpo in tre posizioni distinte e successive, mantenute ciascuna per qualche respiro. Obiettivi secondari sono l'esplorazione dei sintomi depressivi e dissociativi in diverse popolazioni e osservare l’interazione cuore-cervello in soggetti con sintomi depressivi o dissociativi. Saranno coinvolti pazienti con Disturbi dei Comportamenti Alimentari, disturbi psichiatrici (disturbi di personalità, disturbi depressivi), ADHD, disturbi endocrinologici e del metabolismo e con malattie oncologiche. Sarà inclusa nello studio la popolazione generale in salute fisica e mentale in qualità di gruppo di controllo.

L’esperimento avviene in un’unica seduta e prevede l’ascolto di una pratica di Mindfulness (l’Autocontatto) e l’esecuzione di una manovra vagale con contemporanea registrazione dell'ECG e della frequenza respiratoria con BIOPAC® e dell'EEG.

Settore: M-PSI/08

Partecipanti al progetto: Department of Neuroscience “Rita Levi Montalcini”, University of Torino, Department of General Psychology University of Padova, Center for Healthy Minds, University of Wisconsin–Madison, United States.

Abstract: L’Emotional Style Questionnaire (ESQ) è uno strumento di autovalutazione composto da 24 items, facilmente implementabile, in grado di identificare la collocazione di un individuo lungo il continuum di sei dimensioni che permettono di identificare quindi lo Stile Emozionale. Lo Stile Emozionale è un modo coerente di rispondere alle esperienze della vita. Governato da circuiti cerebrali specifici e identificabili mediante tecniche di neuroimaging, lo Stile Emozionale può quindi essere considerato come una “firma” cerebrale peculiare. Ogni individuo ha un suo Stile Emozionale e conseguentemente numerose possibilità di reazioni emotive e di adattamento diverse per genere, intensità e durata. L’ESQ si pone l’obiettivo di essere uno strumento psicometrico utilizzabile in campo di ricerca e nella clinica come indicatore di benessere psicologico; la collocazione lungo le sei dimensioni permette di identificare punti di forza e di debolezza dello Stile Emozionale di un individuo, in modo da consentire interventi di training mentale che sfruttino la plasticità delle strutture cerebrali per modificare tutto ciò che risulta disfunzionale al fine di una sana vita emozionale. Il presente studio si pone come obiettivo la validazione della traduzione italiana dell’ESQ come misura integrativa di Healthy Emotionality.

Settore: M-PSI/08

Partecipanti al progetto: Department of Neuroscience “Rita Levi Montalcini”, University of Torino, Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Torino; Fondazione Molo.

Abstract: Il PTSD può comparire dopo l’esposizione ad un singolo evento particolarmente stressante, oppure a seguito del perdurare di una condizione di traumatizzazione, come il maltrattamento e l’abuso infantile. La sintomatologia del PTSD comprende pensieri e ricordi intrusivi, evitamento degli stimoli connessi all’esperienza traumatica, alterazioni negative della cognizione e dell’umore, iperattivazione dell’arousal. La diagnosi può essere effettuata a distanza da un mese dall’evento scatenante, ma i sintomi possono comparire anche a distanza di anni; la prevalenza del PTSD nella popolazione è stimata al 3%, con un incremento significativo in caso di conflitto o di altri eventi stressanti, quali il rapimento. La ricerca ha consentito di evidenziare alterazioni del funzionamento neurologico delle persone affette da PTSD, in particolare disfunzioni della regolazione neurovegetativa, così come la possibilità di osservare dei miglioramenti della sintomatologia associati ad una più favorevole neuro-modulazione.

Sulla base di queste evidenze, considerata la pervasività e la gravità della sintomatologia associata al PTSD, nel presente lavoro di ricerca si intende oggettivare i correlati neurologici del PTSD tramite la procedura di assessment con elettroencefalogramma quantificato (qEEG) e potenziali evocati (ERPs) sviluppata da Y. Kropotov e dal suo gruppo di ricerca. Tale procedura è rapida, non invasiva e poco costosa rispetto ad altre procedure di assessment neurologico (fMRI, ecc.). I soggetti con PTSD beneficeranno poi di una terapia di neuro-regolazione tramite Neurofeedback, confrontando una procedura che ha già dimostrato la sua efficacia, con un protocollo più recente sviluppato dal Gruppo Othmer. Al termine del protocollo terapeutico saranno nuovamente misurati i parametri neurologici in modo da avere un’indicazione oggettiva dell’efficacia della terapia con Neurofeedback, oltre ai riscontri dei partecipanti.

Settore: M-PSI/08

Ente finanziatore: Fondazione Roche

Partecipanti al progetto: Department of Neuroscience “Rita Levi Montalcini”, University of Torino , Centro di Ricerca E. Piaggio dell’Università di Pisa.

Abstract: Il contatto interpersonale e la comunicazione sono elementi fondamentali dell'attività dei medici. Possedere le competenze comunicative adeguate ad affrontare complesse interazioni con i pazienti contribuisce a diminuire i livelli di stress lavoro-correlato dei medici e migliora la soddisfazione e l’aderenza terapeutica dei pazienti. Una maggiore concordanza medico-paziente è correlata a risultati positivi sulla salute e sulla percezione dell'assistenza sanitaria ricevuta da parte dei pazienti. La misurazione della concordanza tra medico e paziente può inoltre contribuire allo sviluppo di training per medici al fine di migliorare la consapevolezza di eventuali discordanze e per elaborare e acquisire strategie per ridurle. Finora la maggior parte delle ricerche si sono limitate ad indagare aspetti legati al comportamento, a fronte di un crescente interesse verso gli aspetti psicofisiologici della concordanza medico-paziente. La valutazione fisiologica presenta alcuni vantaggi rispetto alla valutazione soggettiva, riducendo i bias legati ad un’autovalutazione retrospettiva e permettendo di individuare cambiamenti delle emozioni o di arousal grazie ad una misurazione in tempo reale.

L’obiettivo primario è valutare l’efficacia del training sulla concordanza medico-paziente misurata attraverso questionari e indici psicofisiologici. Gli obiettivi secondari sono valutare la correlazione tra i questionari, l’analisi dell’interazione medico-paziente e gli indici fisiologici utilizzati per misurare la concordanza della diade medico-paziente; valutare l’efficacia del training nel ridurre i livelli di burn-out e le barriere alla compassione dei medici oncologi; valutare l’efficacia del training nel ridurre i livelli di distress (ansia, depressione, etc) dei medici oncologi; valutare l’efficacia del training nel migliorare il distress dei pazienti; identificare pattern fisiologici specifici di concordanza della diade medico-paziente; individuare gli elementi fondamentali che possano contribuire alla pianificazione di training efficaci e convenienti rispetto a tempo e risorse impiegate, al fine di ampliare la loro diffusione in ambito formativo medico.

Settore: M-PSI/08

Partecipanti al progetto: Department of Neuroscience “Rita Levi Montalcini”, University of Torino , l’Institut de Neuropsiquiatria i Addiccions (INAD), Hospital del Mar, Barcelona, Spain.

Abstract: I pazienti affetti da FEP, ricoverati per la prima volta in ospedale per disturbo mentale frequentemente hanno subito precedenti traumi psicologici. La prevalenza di disturbo post-traumatico da stress (post-traumatic stress disorder, PTSD) nei pazienti affetti da psicosi è del 12%. Inoltre, il 40-80% di essi sviluppa sintomi da stress post-traumatico, definibili come sindrome post-traumatica post-psicotica (post-psychotic post-traumatic syndrome, PPS). La presenza di tali sintomi si ripercuote negativamente sul decorso clinico del disturbo, sul funzionamento sociale, sulla qualità di vita e sull’aderenza ai trattamenti. Il meccanismo fisiopatologico alla base della correlazione tra trauma e psicosi è complesso ed è determinato da interazioni tra fattori, genetici, epigenetici, correlati al trauma e all’ambiente. Appare pertanto di importante rilievo clinico l’integrazione, nell’ambito di percorsi terapeutici per pazienti con FEP, di terapie centrate sul trauma. L’EMDR è un trattamento psicoterapico basato su protocolli standardizzati, che integra la stimolazione sensoriale bilaterale con elementi di tipo cognitivo-comportamentale, interpersonale e di terapie centrate sul corpo. E’ raccomandata dall’OMS come trattamento di prima linea nel PTSD nell’adulto ed è risultata efficace nel trattamento di PTSD in pazienti con comorbidità per psicosi. L’EMDR potrebbe pertanto costituire un efficace intervento psicoterapico nel trattamento dei sintomi correlati al trauma pregresso e alla PPS in pazienti con FEP. Il presente lavoro si propone di valutare efficacia e sicurezza dell’EMDR in un campione di pazienti con diagnosi di FEP nell’ultimo anno, con conseguente ospedalizzazione o trattamento ambulatoriale e trauma psicologico associato. Tutti i pazienti inclusi nello studio, oltre all’eventuale trattamento con EMDR secondo randomizzazione, riceveranno il trattamento standard per il disturbo mentale da cui sono affetti: visite psichiatriche, terapie psicofarmacologiche in base al quadro clinico (antipsicotici di I o II generazione, stabilizzatori dell’umore, benzodiazepine ed altri psicofarmaci).

Settore: M-PSI/08

Partecipanti al progetto: Department of Neuroscience “Rita Levi Montalcini”, University of Torino , Humanitas San Pio X, Milano, A.O.U. San Paolo, Milano.

Abstract: Circa il 30% delle donne valuta il parto come traumatico e il 3-4% delle donne è a rischio di sviluppare un disturbo da stress post-traumatico (PTSD) in risposta al parto traumatico. Inoltre vi è un alto tasso di co-morbilità tra sintomi di stress post-traumatico e sintomi depressivi post-partum.

Gli obiettivi del presente progetto di ricerca sono: indagare l'efficacia della terapia EMDR nel trattamento dei sintomi post-traumatici e depressivi post-partum nelle donne che hanno appena vissuto un parto traumatico rispetto alla psicoterapia dinamica espressiva di supporto (SEDP), al fine di dimostrare il ruolo dell'EMDR come intervento elettivo in questa popolazione specifica; confrontare gli effetti di EMDR e

SEDP sugli indici fisiologici (cioè HRV e conduttanza cutanea) misurati durante le sessioni di trattamento.

Il progetto di questo studio è uno studio clinico controllato multicentrico e randomizzato. I soggetti dello studio saranno 60 donne che hanno avuto un parto traumatico nei 2 giorni precedenti. La valutazione psicologica verrà eseguita prima dell’intervento psicoterapeutico (T0), entro il terzo giorno successivo al parto, con un numero limitato di questionari, al fine di non appesantire la paziente dato il contesto di urgenza e ospedalizzazione. Verranno programmate due valutazioni di follow-up al fine di valutare i risultati degli interventi psicoterapeutici e monitorare i livelli dei sintomi nel tempo: a 6 settimane post-parto (cioè dopo la fine dell'intervento psicoterapeutico) (T1); a 12 settimane post-parto (T2). Tutti i partecipanti, indipendentemente dal tipo di trattamento, riceveranno 5 sedute di trattamento di 60 minuti ciascuna condotte nell’arco di circa 4-5 settimane. Durante le sessioni di trattamento, alle donne verrà chiesto di indossare un semplice braccialetto (simile a un orologio da polso) che monitorerà i parametri fisiologici di HRV e conduttanza della pelle per l'intera durata della sessione.

Prodotti della ricerca

Ostacoli, L., Cosma, S., Bevilacqua, F. et al.
Psychosocial factors associated with postpartum psychological distress during the Covid-19 pandemic: a cross-sectional study. BMC Pregnancy Childbirth 20, 703 (2020)
https://doi.org/10.1186/s12884-020-03399-5

Carletto, S., Porcaro, C., Settanta, C., Vizzari, V., Stanizzo, M. R., Oliva, F., Torta, R., Fernandez, I., Coletti Moja, M., Pagani, M., & Ostacoli, L. (2019).
Neurobiological features and response to eye movement desensitization and reprocessing treatment of posttraumatic stress disorder in patients with breast cancer. European journal of psychotraumatology, 10(1), 1600832.
https://doi.org/10.1080/20008198.2019.1600832

Ostacoli, L., Carletto, S., Cavallo, M., Baldomir-Gago, P., Di Lorenzo, G., Fernandez, I., Hase, M., Justo-Alonso, A., Lehnung, M., Migliaretti, G., Oliva, F., Pagani, M., Recarey-Eiris, S., Torta, R., Tumani, V., Gonzalez-Vazquez, A. I., & Hofmann, A. (2018).
Comparison of Eye Movement Desensitization Reprocessing and Cognitive Behavioral Therapy as Adjunctive Treatments for Recurrent Depression: The European Depression EMDR Network (EDEN) Randomized Controlled Trial. Frontiers in psychology, 9, 74.
https://doi.org/10.3389/fpsyg.2018.00074

Carletto, S., Tesio, V., Borghi, M., Francone, D., Scavelli, F., Bertino, G., Malucchi, S., Bertolotto, A., Oliva, F., Torta, R., & Ostacoli, L. (2017).
The Effectiveness of a Body-Affective Mindfulness Intervention for Multiple Sclerosis Patients with Depressive Symptoms: A Randomized Controlled Clinical Trial. Frontiers in psychology, 8, 2083.
https://doi.org/10.3389/fpsyg.2017.02083

Carletto, S., Borghi, M., Bertino, G., Oliva, F., Cavallo, M., Hofmann, A., Zennaro, A., Malucchi, S., & Ostacoli, L. (2016).
Treating Post-traumatic Stress Disorder in Patients with Multiple Sclerosis: A Randomized Controlled Trial Comparing the Efficacy of Eye Movement Desensitization and Reprocessing and Relaxation Therapy. Frontiers in psychology, 7, 526
https://doi.org/10.3389/fpsyg.2016.00526

Tag: psychotherapy, body, compassion, emdr, mindfulness, neurobiology, psychology, relationship, communication

Ultimo aggiornamento: 14/02/2022 17:25
Location: https://www.dscb.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!